HOME

Teatro dei Margini è un progetto di teatro sociale della regista e attrice Chiara D’Ostuni, che racchiude un insieme di iniziative, workshop, laboratori e produzione di spettacoli con attori e non-attori. Le attività sono suddivise sostanzialmente in tre filoni: Teatro Partecipato, Teatro Integrato e Teatro Benessere.

L’obiettivo basilare delle attività proposte è prendersi cura delle persone, delle loro relazioni, dei loro corpi e dei loro pensieri. In particolare le relazioni e i conflitti tra gli uomini sono il focus principale del progetto. Lo scopo è creare una nuova politica della condivisione, dello stare insieme, della partecipazione. Questo progetto si costruisce sulla base di valori e principi che riguardano il rispetto delle differenze, l’inclusione, il diritto di esprimere la propria opinione, il diritto di esprimersi secondo la propria creatività innata.  Ogni individualismo viene messo da parte a favore invece della cooperazione e del confronto. Attraverso le attività performative dei percorsi esperienziali si lavora sulla condizione attuale degli individui, sempre più chiusi dentro se stessi, vittime di barbari processi di omologazione della cultura globale.

Il laboratorio è un luogo incubatore in cui le persone innanzitutto formano un gruppo. Attraverso l’apprendimento di tecniche teatrali, i partecipanti entrano nel vivo di un processo trasformativo, riscoprono se stessi in una nuova veste, acquisiscono più competenze e imparano a mettere in pratica una comunicazione efficace che guarda alle abilità di ognuno come risorsa unica e irripetibile.

Lo spettacolo rappresenta la conclusione del percorso ed è una sorta di liturgia che si riappropria dell’origine rituale del teatro, un momento di scambio in cui una comunità di cittadini si confronta e si interroga intorno ad un tema che li riguarda. È nel contesto della rappresentazione che le persone si mettono in gioco mettendo in campo una comunicazione nuova, frutto di uno studio su come “farsi capire” dallo spettatore.

Teatro dei Margini nasce dall’esperienza pluriennale di Chiara D’Ostuni che inizia a muovere i primi passi nel mondo del teatro vent’anni fa. L’interesse per il teatro sociale matura nel tempo, parallelamente all’attività prettamente artistica, in seguito a esperienze di volontariato con rifugiati politici e senzatetto nella caotica realtà sociale di Roma.

Teatro dei Margini non è un metodo ma un processo in continua evoluzione che si modella in base ai partecipanti delle varie iniziative proposte. Uno dei punti fermi del lavoro pedagogico e artistico di Chiara D’Ostuni è la scrittura collettiva di scena che nasce dal basso, direttamente dalle potenzialità del gruppo. Anche quando viene proposto un testo teatrale già esistente, il gruppo viene stimolato per smontarlo e ricostruirlo secondo il proprio vissuto e le proprie abilità.

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close